top of page

DONNA MADRE | Come non sentirsi incomplete

"Nessuna donna dovrebbe sentirsi incompleta se non ha un figlio. Il principio della creazione va al di là del concepimento di un figlio. Il principio femminile di shakti è forza dinamica e creatrice , è pranashakti ( linfa vitale) o la natura creatrice.


Una donna non si giudica fertile da quanti figli ha ma la fertilità si dovrebbe esprimere nella prosperità interiore e nel saper portare abbondanza nella propria vita e in quella altrui. In una società non maschilista come la nostra le donne si prendevano cura dei figli che nutrivano come fossero i propri.


Non esisteva il senso della proprietà o considerare il proprio figlio " mio" ma veniva accolto come un dono divino per la comunità intera.


Nella nostra società le donne sono considerate un "servizio" e non sono mai viste come una rappresentazione terrena della grande madre. Una donna dovrebbe essere solo al servizio di Madre Natura e non piegarsi al volere di una società che crea stereotipi di come dobbiamo procreare, partorire e crescere i nostri figli.

Ci sono donne che vogliono un figlio per sentirsi accettate o amate o peggio ancora provare a se stesse che sono "vere donne". Nessun figlio porterà tale consapevolezza se prima non ci siamo riconnesse alla fonte divina della creazione.


Ci sono donne che seguono vie spirituali profonde e che si sono messe al servizio del divino e della comunità intera, che fanno un lavoro silenzioso, non urlato, ma costante e consapevole su se stesse e poi lo diffondono agli altri.



Oggi sono con queste donne coraggiose che hanno scelto da sole la propria via e che riaffermano ogni giorno il potere della creazione attraverso il più grande dono della vita: l'amore per ogni manifestazione visibile e non visibile del cosmo intero."  

 

- fonte: Femenine Emotional Dance - arte: Susan Seddon-Boulet


28 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page