top of page

LA CATENA ALIMENTARE E LA NATURA DEL CORPO FISICO

COME UTILIZZARE LE LEGGI DEL MONDO PER SOSTENERE SE STESSI

Vi siete mai chiesti perché a volte non riuscite a controllare l'appetito?

Perché fornire costantemente cibo al vostro corpo, anche se molte volte non siete veramente affamati?

A volte l'appetito è eccessivo, altre volte il corpo è obeso.

Quando il corpo è in sovrappeso, le persone spesso affermano di essere state colpite da una "maledizione". Questa spiegazione può anche essere considerata corretta, ma fino ad un certo punto. La visione che “sembra che il corpo ti punisca” è più precisa e vicina al reale. La maggior parte delle persone non comprende i principi di funzionamento della propria coscienza né del proprio corpo.

In realtà, la coscienza ed il corpo sono in lotta tra loro per il controllo reciproco.

Per esempio, quando volete mettere in bocca un cibo che piace al vostro corpo, la vostra coscienza comincia a gridare, avvertendovi che mangiarlo vi farà ingrassare, che mangiarlo non vi farà bene alla salute. Se la vostra coscienza non è abbastanza forte da frenare le vostre azioni, continuerete a portare il cibo alla bocca e direte: "Anche se mangio un po' di più, non morirò", oppure: "Si vive una volta sola, perché dovrei trattenermi? Devo mangiare a volontà!".

Ci sono molti detti simili che tendono a giustificare le debolezze della coscienza. In questi casi, la coscienza è stata zittita dal corpo in modo da non poter alzare la testa, ed essa comincia a parlare assecondando i desideri del corpo.

In realtà, questo corpo è solo una macchina biologica, il cui meccanismo di sopravvivenza è simile a quello degli altri animali. La sua attività di base è assorbire energia dal cibo per sopravvivere. L'ambiente alimenta la vita stabilendo fonti di cibo che si nutrono a rotazione l'una dell'altra. La fonte di cibo delle piante proviene da composti ed elementi disponibili in natura, che esse assorbono per sopravvivere e crescere. Quando un albero muore produce compost per gli altri alberi. Le piante mangiano ed assorbono quelle più deboli di loro e quello è il cibo che viene fornito loro dalla natura. Gli animali erbivori mangiano le piante più adatte al loro organismo. I carnivori mangiano gli erbivori. I pesci più grandi ingoiano i pesci piccoli, le creature con una forza fisica maggiore si nutrono delle creature più deboli.

La natura di un organismo, quando si alimenta, lo porta a scegliere un cibo che trova delizioso, oppure a scegliere tra gli elementi più deboli, ad uccidere per godere delle energie della natura. In natura esistono leggi di sopravvivenza e istinti di sopravvivenza comuni a tutti gli esseri del mondo. Tutto è predisposto per sopravvivere e crescere.

Alcune religioni affermano che un coltivatore dovrebbe essere vegetariano, per ridurre al minimo le uccisioni. Ma chi vi dice che i vegetariani non uccidono e i non vegetariani uccidono? Le piante e gli alberi non sono forse vita? O i fiori, un seme, non è forse vita? Se non si vuole uccidere, si può solo digiunare, ma il corpo può sopportare di non mangiare sul lungo termine pur non svolgendo alcuna attività?

Dovete sapere che la vita esiste in tutte le forme. Quindi, indipendentemente da ciò che mangiate, state uccidendo la vita. Quindi, in che modo la morte di una vita vi fa provare compassione? Quando mangiate un albero o uccidete un albero, provate qualcosa? O solo quando uccidete un grande essere provate compassione? La maggior parte delle persone guarda un albero morto, un piccolo animale che muore, una comunità in rovina, senza provare alcun sentimento di pietà simile a quello che ci assale alla morte di un grande animale o di una persona. Ma in realtà gli esseri viventi non sono diversi, quindi perché uccidere un albero, un animale o un essere umano dovrebbe essere diverso? Perché nella loro mente le persone non si rendono conto dell'esistenza della vita. Separano se stessi e tutte le cose, non hanno l'unità necessaria nella loro coscienza, per far nascere l'amore per tutte le cose. Non si affidano ai sentimenti dell'anima per generare emozioni. La maggior parte delle persone si affida ai propri pensieri, alla psicologia e alle abitudini per formare le proprie emozioni. Quindi, per ogni nascita e morte, hanno opinioni ed emozioni diverse.

Qual è la differenza tra la coscienza e questo corpo?

È la coscienza che può analizzare, creare e controllare i propri pensieri e le proprie azioni. Il corpo è un essere vivente che opera secondo le regole preesistenti della creazione e segue le regole per sopravvivere, prima di tutto.

Quando mangio un essere vivente, capisco sempre che sto mangiando per la sopravvivenza del corpo. Quando il corpo ha fame, io mangio. Seguite la natura, non imponetevi, ma non lasciate che il vostro corpo prenda il controllo. Rispettate la vita del corpo, lasciandolo esistere secondo le leggi naturali, limitando solo gli istinti del corpo, come ad esempio quando si sente un sapore delizioso e si mangia molto. Impedisco al mio corpo di scegliere cibi nocivi in base solo alle preferenze della gola. So che mangiare qualsiasi cosa significa sacrificare altre vite per sostenere se stessi. Mi trattengo per ridurre il sacrificio di altre vite. Non per paura che, uccidendo un altro essere vivente, andrò all'inferno: le basse dimensioni non sono mai state un problema per me! Controllo il mio corpo perché so amare. La mia coscienza può riconoscere ed essere grata per tutto ciò che mi nutre. So che tutto mi sostiene. E, a un certo livello, sostengo anche io il mondo con la mia creatività e il mio sviluppo interiore.

Le persone danno troppa importanza a tutto e hanno paura di tutto. Questo accade perché senza consapevolezza ogni problema diventa complicato e pesante. Una persona come me, che ha coltivato il suo carattere, in realtà non ha paura di uccidere: per me la vita e la morte sono entrambe cose normali, è solo che rispetto la vita di tutte le cose. Anche se non sono sicuro di voler esistere troppo a lungo in questo mondo, per esistere bisogna saper dare valore alla vita, perché la vita ci dà la consapevolezza per svilupparci continuamente. Il rispetto è mostrare gratitudine per ciò che ti ha sostenuto.

La maggior parte delle religioni spesso impone regole personali ai propri seguaci, senza dare l’opportunità di trovare ragioni che sostengano il contrario. Perché non affidarsi ai normali principi del mondo per analizzare e comprendere la natura del problema? Oppure, perché non affidarsi alle proprie esperienze per capire i problemi che le persone devono affrontare? Abbiamo la capacità di cambiare le leggi stabilite e di andare contro natura?

Quindi il problema non è la paura di uccidere, ma la consapevolezza delle proprie azioni atta a creare un'interazione positiva con il mondo. Qualunque cosa si mangi con la propria avidità e il proprio egoismo, si crea energia negativa nel mondo. Se invece si compie un’azione in nome della bontà, ma con il cuore non allineato, si creerà solo energia negativa per il mondo. Il problema non è come agite, ma qual è il vostro obiettivo. Questo cambia completamente le cose a un livello superiore, a volte senza che ve ne rendiate conto.

Allo stesso modo, la gente pensa che uccidendo si vada all'inferno. Ma riescono a trovare un motivo per sopravvivere in questo mondo senza uccidere un essere vivente? Anche le regole della vita e della morte sono cose normali in questo mondo, non c'è motivo per cui, seguendo le regole, si dovrebbe finire all'inferno. Se così fosse, Gesù o Buddha sarebbero entrambi all'inferno. E perché dovreste avete il diritto di protestare quando qualcuno interrompe intenzionalmente la vostra vita? Persino gli animali capiscono meglio dell'umanità attuale questo aspetto elementare delle leggi del mondo. Essi a volte vedono cose che gli umani non possono vedere. È solo una differenza nel livello di coscienza che ci permetterebbe di acquisire una consapevolezza più profonda del problema e svilupparne la coscienza. Il problema non è che si uccide una vita, il problema è la coscienza delle azioni che si compiono. Se un organismo non mangia, può vivere? Se non sapete come amare, proteggere voi stessi e dare valore alla vostra vita, allora cosa avete ricavato dalle cose che sperimentate? C'è un inferno in cui andare? Quando non potete avanzare verso dimensioni superiori, siete costretti a cadere in dimensioni inferiori. E le dimensioni inferiori esistono a modo loro, ed esse possono essere molto più difficili, più dure. Gli inferni di cui si parla sono le dimensioni inferiori a causa delle cose più oscure, non per le azioni che a voi sembrano peccaminose.

Questo non significa che io sostenga azioni che sembrano peccaminose, né che io voglia imporre alle persone cosa mangiare. Flussi energetici diversi porteranno a scelte diverse, ma dovete essere consapevoli che la luce e l'oscurità vanno sempre di pari passo e si completano a vicenda. Dovete sapere come usare le regole per creare cose veramente buone. Perché se non riuscite a mantenere la purezza dentro di voi, qualsiasi cosa facciate diventerà oscura, e viceversa. Questo è anche il motivo per cui molte persone entrano nel sentiero della coltivazione spirituale, ma la loro energia scende a caduta libera. Le leggi naturali non sono per voi da infrangere o abusare, ma da percepire e utilizzare.

Nel caso degli esseri umani che allevano e uccidono animali, si tratta di una violazione del dogma che non può essere trasceso, a causa della creazione di karma. Quindi, quando coltivate le piante e poi le mangiate o le scambiate, non creerete un karma? In realtà non importa se si coltiva, si alleva o si usa ciò che si coltiva per mangiare, ma il mancato rispetto delle leggi della natura ha portato conseguenze imprevedibili. E prima o poi dovrete ripagarle.

Dovete sapere che tutte le cose hanno un ciclo di nascita e morte. Se non lo utilizzate, madre natura lo riassorbirà e alimenterà nuove vite. Anche le piante e gli animali che allevate o che si trovano nel mondo naturale hanno i loro cicli. Quando una creatura è vicina al suo limite di uccisione, potete ancora usare la sua vita per sostenervi. Come i frutti, se li raccogliete verdi e li mangiate, saranno acri e amari, ma quando saranno maturi, vi daranno molti nutrienti e minerali di supporto per il vostro corpo. Tutti gli esseri viventi, come gli esseri umani, capiscono una cosa: anche questo essere fisico diventerà nutrimento per coloro che in passato lo hanno nutrito. Un ciclo che segue le leggi del mondo. La maggior parte degli esseri umani raccoglie e uccide in modo insaziabile, o, per tornaconto personale, essi utilizzano farmaci tossici per piante e animali. Ciò porta al problema dell'inquinamento energetico del corpo biologico, che passa da una vita all'altra, e all'inquinamento ambientale di anno in anno. Essi ignorano la propria moralità a causa dell'avidità e dell'egoismo. Ecco perché le religioni spesso non permettono ai loro seguaci di fare affari. Perché non è facile per una persona combattere la propria avidità, sapere cosa è sufficiente. E non tutti sanno come creare energia positiva da donare, e non tutti sanno come lasciarsi andare per poter elevare la coscienza quando si vive in questo denso mondo materiale.

I principi biologici hanno luogo a tutti i livelli di consapevolezza, ogni livello di energia avrà un impatto diverso sul corpo fisico. Ciò che so sulla legge della sopravvivenza e dello sviluppo della vita non riguarda solo il livello visivo, ma anche la purezza e leggerezza delle diverse fonti di energia che alimentano la vita. L'energia più leggera rende le reazioni psicologiche e fisiologiche e il senso di sopravvivenza completamente diversi.

Ad un livello più leggero e puro c'è l'assorbimento dagli elementi di base. Ecco perché ci sono coltivatori che mirano al percorso di addestramento all'assorbimento dell'energia del cielo e della terra, come le piante e gli alberi.

Gli alimenti che sono più densi di energia fisica che di energia elementare sono gli alimenti vegetali. Il cibo più puro è l’attuale cibo vegetariano. Il cibo pesante è un cibo misto di piante e animali. Peggio ancora è il cibo completamente pescoso con carne animale. E la cosa più brutale è succhiare direttamente l'energia vitale degli esseri viventi.

La questione dell'energia interna consapevole governerà la scelta del cibo adatto al corpo. Tutto ha dei principi da differenziare attraverso lo stile di vita e il pensiero. Ecco perché alcune persone sviluppano un'energia improvvisa che le fa sentire nauseate quando toccano cibi a base di pesce. La trasformazione istantanea può far sì che il corpo reagisca a molte fonti di energia al contatto diretto. Non solo il cibo, anche i suoni, i profumi, le persone, le case, i vestiti, i prodotti per l'igiene quotidiana... Il corpo protesta contro le fonti di energia inadeguate.

Non vi chiedo di avere la mia stessa comprensione, ma spero che vi facciate qualche domanda. Pensate e considerate le energie che vi circondano. Se riuscite a capire come funziona, potrete vedere i problemi che l'umanità deve affrontare.

Più pesante è l'energia, più forte è l'attaccamento al mondo materiale. Dovete imparare a purificarvi con la vostra consapevolezza. Il periodo di transizione energetica non aspetterà che qualcuno si adatti, ma impatterà silenziosamente ed eliminerà le fonti energetiche incompatibili. La vita è sempre nelle vostre mani, si tratta solo di decidere se buttarla via o usarla.

Buona Pratica


1.246 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page